News

Venerdì 12 Settembre 08:34

Shawn Kemp, il ritorno «Grazie Premiata, sei la mia grande sfida»

Voglio dimostrare di essere cambiato

UNO SHAWN KEMP in grande forma ed anche un po emozionato ha affrontato ieri la conferenza stampa, affollatissima, convocata per la sua presentazione nelloratorio San Giovanni Battista. Al tavolo della conferenza cerano, oltre a lui naturalmente al centro, il presidente della societ, Tiziano Basso, lo sponsor, Graziano Mazza, il direttore tecnico, Roberto Carmenati, e lallenatore, Alessandro Finelli. Gli altri due componenti della Triade, Marco Cannella ed Edo Trap, seduti in prima fila accanto ai sindaci di Montegranaro, Gianni Basso, e di Porto San Giorgio, Andrea Agostini. La presentazione dellex grande stella Nba toccata a Carmenati che, amico personale di Kemp, stato il deus ex machina del suo ingaggio. Mutuando una frase di Rudy Toyanovic, un altro campione Nba, Carmenati nel presentare un filmato su Kemp ha detto Mai sottovalutare il cuore di un campione. Un filmato che mostra come in questi anni il giocatore non abbia mai smesso di allenarsi: per la sua grande voglia ha detto Carmenati di voler tornare ad essere un protagonista.
Shawn, cosa si aspettava di trovare a Montegranaro?
Non sapevo con certezza. Avevo solo parlato con Carmenati. Ci che sapevo era di voler venire a dimostrare il mio amore per il basket e quindi mi aspettavo di dover continuare a lavorare duro.
Ha smesso di giocare nel 2003, cosa ha fatto in questi anni?
Non ho mai smesso di allenarmi perch non ero soddisfatto di come avevo lasciato. Questa della Premiata stata la prima offerta importante e lho accettata.
Una sfida con lei stesso?
Non volevo rimpianti, volevo riprovare e dimostrare di essere una persona cambiata, migliore.
Lei e Armstrong tornate. E il ruggito dei quarantenni?
Non credo di essere vecchio e sento di avere il cuore di un ventenne. Questa una delle tante sfida che ho affrontato nella vita.
In Italia, diversamente che nellIndiana, trover pochi aerei e molti pullman...
Non mi interessa come ci sposteremo se in autobus o in macchina. Una cosa certa io cercher di essere sempre il primo a salire per andare a giocare.
Come mai venuto in Italia?
Per lamicizia con Carmenati.
Cosa pensa della squadra?
E ottima ed ottimo anche lo staff. Io avr da imparare da loro e spero anche di poter trasmettere loro la mia esperienza.
Quali le prime sensazioni in questo nuovo ambiente cos diverso dal suo?
La vita qui molto diversa, ma ci sono belle persone ed una bella zona. E poi ci sono il mare e la spiaggia che mi piacciono molto.
Silvio Sebastiani

Il Resto del Carlino

ULTIME NEWS