News

Lunedi 01 Dicembre 19:21

Eurocup, per la GMAC Bologna la sfida col Valencia dell'ex Douglas. Huertas: 'Dettiamo noi le regole del gioco'

 
Torna lEuropa, al PalaDozza. E dopo lassaggio di Eurolega della presentazione ufficiale contro il Barcellona, torna una formazione spagnola. Si tratta per del Pamesa Valencia, e vale per lEurocup. Si gioca infatti al PalaDozza alle ore 20.30 la seconda giornata della prima fase, dopo lesordio negativo della settimana scorsa per i biancobl in Germania sul campo degli Artland Dragons. Ora, arrivano sulle tavole del nostro Madison i grandi favoriti non soltanto del Gruppo F quanto semmai dellintera competizione, alla ricerca del pass per la qualificazione diretta allEurolega. Sar un impegno estremamente ostico per i biancobl, chiamati a difendere per la terza volta consecutiva quel PalaDozza che in Campionato ha respinto Treviso e Ferrara, ben sapendo che la situazione dellinfermeria fuori Davide Lamma e Dalibor Bagaric, mentre ci sar Qyntel Woods che per non ancora al meglio della condizione obbligher la squadra di coach Sakota a fare gli straordinari. Servirebbe una di quelle partite che hanno reso epico il fattore PalaDozza in Eurolega, ad esempio contro il Tau Vitoria, ma senza scomodare paragoni e confronti, servir porre le fondamenta su difesa, rimbalzi e concentrazione, consapevoli che il talento offensivo non manca affatto, ma la strada per farlo esplodere quella.





SAKOTA: CREDIAMO NEL NOSTRO LAVORO

Le dichiarazioni del coach biancobl alla vigilia della gara



Si comincia a giocare a ritmi serrati, e se sabato sera Dragan Sakota commentava la vittoria su Ferrara, luned mattina gi assorbito dallanalisi della sfida che attende la Fortitudo per lindomani. Nel mezzo, una domenica in cui la squadra biancobl ha lavorato al PalaDozza, lontano dai riflettori. Tutti sanno che Valencia la favorita del nostro girone, cos come che punta chiaramente a vincere lEurocup per qualificarsi direttamente alla prossima Eurolega. E tutti sanno che si tratta di uno dei club pi ambiziosi e che pi investono di Spagna. Poche settimane fa hanno attuato dei cambiamenti importanti, sostituendo un allenatore di grande valore come Katsikaris, credo pi per dare la scossa e portare un nuovo entusiasmo che per reali necessit di gioco, ed chiamato al suo posto Neven Spahija, ovvero il vincitore dellultima Liga ACB col Tau. Il loro gioco? Quello delle grandi squadre: hanno grande forza dentro larea colorata, e tiratori scelti pronti a colpire dal perimetro. I nomi di grande valore sono tanti, su tutti metterei Kosta Perovic, Shammond Williams e Ruben Douglas, ma il loro roster estremamente ricco di talento in ogni ruolo, in grado di mettere seriamente in difficolt qualsiasi difesa avversaria. Ed da l, forzatamente, che la Fortitudo dovr ripartire. Sappiamo che il Valencia rappresenta lesame pi duro, da quando abbiamo cominciato. E dobbiamo affrontarlo credendo nel lavoro che stiamo facendo giorno per giorno in palestra, in quei miglioramenti che finalmente laver aggiunto due giocatori in rotazione potranno darci, come gi accade in allenamento. E vero che in Germania dopo un buon inizio siamo calati e, proprio difensivamente, non abbiamo tenuto, ma dobbiamo dire che praticamente abbiamo avuto lufficialit di poter utilizzare i due nuovi giocatori soltanto quel giorno stesso, e il salto dagli allenamenti alla partita non mai automatico per quanto riguarda gli equilibri della squadra. Ora, stiamo lavorando proprio per migliorare i nostri ritmi e gli equilibri di gioco, e al di l degli errori commessi in attacco, con Ferrara ho visto che la nostra difesa ha tenuto molto meglio ed ha seguito esattamente le regole che ci eravamo dati. Quale pu essere la chiave, per la Effe? Conosciamo bene tutti i problemi che ci siamo trovati ad attraversare in questo lungo periodo, ma proprio per questo dietro le nostre due vittorie consecutive in casa c la spinta enorme che ci ha dato il nostro pubblico: come avevo auspicato prima di Treviso, si rivelato davvero il nostro miglior uomo in campo.





HUERTAS: DETTIAMO LE REGOLE DEL GIOCO

Le parole del regista biancobl alla vigilia della gara



Davanti agli occhi, mentre infila un canestro dopo laltro nella seduta di tiro mattutina, quel Pamesa Valencia che conosce benissimo per aver vissuto gli ultimi quattro anni nella Liga ACB. Nessuno meglio di Marcelo Huertas allora per introdurre la sfida di domani sera al PalaDozza. Il Pamesa una squadra molto forte, con una panchina lunghissima ed elementi di grande talento, intercambiabili. Le ambizioni del club di Valencia sono chiare e verranno qui per vincere, star a noi difenderci. Per farlo, dovremo giocare sempre al 100%, puntando in primo luogo a tenere al massimo la concentrazione. Avremo dalla nostra il calore dei tifosi, che ci stanno dando tantissimo, e vorremmo davvero regalare loro una grandissima partita. Il Pamesa ha fisico ma anche velocit. Sappiamo che dovremo costruirci le nostre chances di vittoria in difesa, e questo riguarda soprattutto noi primancora di guardare lavversario che abbiamo davanti. Che, nella fattispecie del Pamesa, sicuramente fortissimo, e sa correre molto bene in velocit, a ritmi probabilmente molto pi sostenuti rispetto a quelli del basket italiano. Allo stesso modo Valencia una squadra molto fisica, ma soprattutto imprevedibile nel bene e nel male. Probabilmente negli ultimi anni non ha raccolto per quanto ha investito, mancando lobiettivo sia nella Liga che in Copa del Rey, ma rimane sempre una delle maggiori candidate su ogni fronte in cui gioca, e non a caso tiene tantissimo allEurocup. Cosa vi hanno portato le ultime due vittorie consecutive in casa? Le cose stanno iniziando a girare per il verso giusto, come purtroppo avremmo voluto fare fin dallinizio senza riuscirci. Sicuramente conta molto il fatto che, come gruppo, stiamo migliorando nella conoscenza reciproca, e laiuto del nostro pubblico ci ha dato una grandissima mano dopo le difficolt accusate in trasferta. Ora vogliamo ripartire anche in Europa, dopo la brutta prova fornita in Germania, se vogliamo qualificarci vincere diventer limperativo. Il Pamesa guidato da Shammond Williams Lho incontrato pi volte, sia quando lui giocava a Barcellona ed io ero a Badalona, sia in particolar modo lanno scorso quando lui era gi a Valencia ed io a Bilbao. E un grandissimo giocatore, che sa guidare la squadra al meglio, ma oltre alle doti di passatore anche capace di tutto in attacco, dove pu segnare allimprovviso anche da nove metri. Dovremo cercare di limitarlo al massimo, per non fargli prendere il ritmo che predilige. Rispetto al Campionato, sar una gara diversa? Dalla loro hanno sia grande fisicit che velocit, per vincere dovremo cercare di riuscire a dettare le regole del gioco. Conosci la storia biancobl di Ruben Douglas? S, certamente. E ho visto in televisione quel tiro che ha dato lo scudetto alla Fortitudo nel 2005. Un canestro quasi impossibile, quanto bellissimo: sono certo che i tifosi biancobl lo accoglieranno con una grandissima festa, del resto se la merita eccome.





MANCINELLI: SE LO BATTO GLI OFFRO LA CENA

Le parole del veterano biancobl alla vigilia della gara



Lui cera, ed rimasto uno dei pochissimi. Proprio per questo, chiacchierando con Stefano Mancinelli il giorno prima della sfida col Valencia non si pu che partire da The Shot, il tiro-scudetto di Ruben Douglas atteso domani sera al primissimo ritorno da avversario al PalaDozza. E davvero bello ritrovarlo, Ruben un super indiscusso! Ma in realt non ci siamo mai persi, rimanendo in contatto attraverso internet, ed anche se la prima volta che qui da giocatore, a Bologna tornato pi volte, di sicuro si affezionato alla citt e alla nostra gente. Com Ruben? Esattamente come appare, sempre sorridente sia in campo che fuori. Sempre pronto a scherzare, ma quando poi si gioca uno che sa fare tutto. E, a proposito, nelle interminabili sfide a fine allenamento inventandosi i tiri pi strani, lui spesso e volentieri la metteva da circa nove o dieci metri, saltando altissimo in sospensione, insomma quel tiro che poi ci ha dato lo scudetto. Cosa ricordi in particolare di quei momenti? Sensazioni incredibili Ero sicuro che il tiro fosse buono, ma fino a quando non ho visto Paternic alzare le braccia al cielo indicando la tripla, ho temuto il peggio. Davvero un tiro da instant replay, e la gioia che ne seguita stata immensa e ci ha accompagnato da Milano a Bologna. Domani sera, c il Pamesa Valencia. E anche Ruben diventer un avversario, per poi ritrovarci insieme alla fine, grandi amici come sempre. E se lo batto gli offro pure la cena. Come vedi questa Fortitudo? Il gruppo si sta consolidando, adesso dobbiamo fare dei passi avanti sul campo, ma sono convinto che la strada sia quella giusta. Peccato solo aver buttato via la partita in Germania, resto convinto che avremmo potuto vincerla se non addirittura controllarla, ci manca ancora la capacit di fare il passo in pi e andare fino in fondo, ma ci arriveremo. Intanto, sono arrivati Gregor e DJ. Gregor sempre un super, stato tra i pi forti giocatori dEuropa e ancora oggi si fa sentire eccome, con la sua esperienza ma anche col suo impegno incessante in ogni allenamento. Quei 37 anni non si vedono proprio, e sono convinto che potr darci tantissimo anche in partita, come ha immediatamente cominciato a fare. In quanto a DJ, sa fare davvero tutto, ed arrivato qui con latteggiamento migliore.





INGRESSO FAMILY: U14 AD 1 EURO E GENITORI A 10

Torna la promozione valida per le partite di coppa europea



Torna lEurocup (fino allanno scorso, con la denominazione di Uleb Cup), e torna cos anche la promozione dedicata alle famiglie: per i ragazzi minori di 14 anni che verranno alla partita con almeno un genitore, vi sar infatti un biglietto speciale nei settori di Curva e Distinti al prezzo di 1 euro, mentre i loro genitori pagheranno 10 euro ciascuno. Biglietterie aperte al PalaDozza su via Graziano da due ore prima della palla a due, programmata per le 20.30.


Settori e relativi prezzi dei biglietti:

Gradinata = esaurita in abbonamento

Curva Alta = 30,00 euro; U18 21,00; U14 non accomp. 15,00,

Curva Bassa = 35,00 euro; U18 25,00; U14 non accomp. 17,00

Distinti Graziano e Azzarita = 40,00 euro; U18 28,00; U14 non accomp. 20,00

Tribuna Graziano e Azzarita = 60,00 euro; U18 42,00; U14 non accomp. 30,00

Poltronissime = 80,00 euro

Parterre-Prima Fila = esaurita in abbonamento



Sito Uff. Fortitudo Bologna

ULTIME NEWS