Forgot the password? x
News

Domenica 04 Dicembre 08:08

Il derby lombardo a Cantù: Varese risale da -25 poi cede

 LegaGallery
Inverte la rotta la Red October Cantù, che nel derby infinito contro Varese conquista un fondamentale successo per 82-92. I biancoblù scendono in campo con la chiara intenzione di vincere, e dominano l’incontro con il giusto atteggiamento fino all’intervallo lungo; poi Varese accende il fuoco dell’orgoglio e, con un ottimo terzo periodo, recupera tutto il divario e prova a ribaltare le sorti della gara, ma la Red October è più concreta e rispedisce al mittente ogni tentativo di affondo da parte dei padroni di casa. Avvio di gara equilibrato per le due compagini: la tripla di Maynor apre le danze, Pilepic risponde in arresto e tiro e Anosike realizza da sotto. Il tiro dalla distanza di Callahan innesca quindi un mini break di 0-8 per la Red October, che con Darden e Pilepic si porta sul 5-10 al 3’. I padroni di casa reagiscono immediatamente, e grazie a Maynor e Anosike rientrano a -1; Cavaliero replica al canestro di Johnson, quindi Cantù allunga con Pilepic e Waters (11-16 a metà frazione). Avramovic non sbaglia dalla lunetta, Waters insacca la bomba del +6 esterno, Maynor realizza da sotto e Johnson schiaccia su assist di Waters, poi la bomba di Maynor riavvicina pericolosamente l’Openjobmetis a -3. Gli ultimi minuti, però, sono dominati dalla Red October che, guidata da Waters e Johnson, chiude la prima frazione di gioco sul risultato di 20-28. I padroni di casa tentano la ripartenza aggressiva nel secondo periodo con la tripla di Melvin Johnson, ma Cantù è pronta a ribattere subito con le due bombe di Darden e Waters e i liberi di Acker (23-36). Avramovic prova a caricarsi i suoi sulle spalle; la Red October continua però a conservare 15 lunghezze di vantaggio grazie a Darden e Johnson (28-43 al 15’). Maynor non sbaglia il canestro da sotto, Kariniauskas infila quattro punti a ripetizione e ancora Maynor prova a tenere a galla Varese; l’arresto e tiro di Darden e il 2/2 di Waters permettono comunque a Cantù di raggiungere quota +19 (32-51). I canestri di Cavaliero e Avramovic danno un po’ di respiro ai padroni di casa, ma Waters è incontenibile, e con cinque punti e un assist per Johnson manda le due squadre negli spogliatoi per la pausa lunga sul risultato di 38-58 a favore della Red October. Al rientro in campo, Johnson segna subito da sotto, Darden infiocchetta a canestro il contropiede innescato da Waters e ancora Johnson fa 1/2 dalla lunetta per l’eloquente +25 canturino. Varese non ci sta però ad arrendersi davanti al pubblico di casa, e con una reazione d’orgoglio realizza un pesantissimo break di 11-0 firmato da Maynor, Kangur e Pelle e si riavvicina pericolosamente a -14 al 25’. Pilepic non sbaglia dalla lunetta, Eyenga risponde dall’altra parte del campo e Maynor infila sei punti consecutivi che, insieme al canestro di Bulleri, riportano l’Openjobmetis a -6 (59-65 al 28’). Waters realizza da fuori, Maynor replica dal pitturato, Callahan e Anosike segnano dalla lunetta; Bulleri replica a tono alla tripla di Pilepic, e nel finale i liberi di Avramovic e Anosike permettono a Varese di raggiungere Cantù a sole due lunghezze di distanza (69-71 al 30’). La tripla di Avramovic all’inizio dell’ultimo periodo fa volare Varese in momentaneo vantaggio, poi Darden risponde dall’arco e Johnson allunga a +4 per Cantù. Avramovic da fuori tiene i padroni di casa a contatto, ma Waters si sblocca in attacco e insacca i due pesanti canestri del +6 esterno. Cavaliero porta il punteggio sul 76-80 di metà frazione, Johnson realizza il gioco da 2+1, poi Pelle non sbaglia i due liberi a disposizione e ancora Johnson segna dalla media il tiro del +7 esterno (78-85 al 38’). Gli ultimi minuti sono gestiti nel migliore dei modi dalla Red October, che con Johnson e Waters risponde agli affondi di Maynor e non permette in alcun modo a Varese di riavvicinarsi. Il buzzer beater da tre di Kariniauskas è la ciliegina sulla torta di una gara entusiasmante, al termine della quale la Red October Cantù fa suo il derby con il risultato finale di 82-92.

Sito Uff. Pall. Cantu