News

Giovedì 25 Aprile 08:26

Nell'anticipo la Germani Brescia sorride sulla sirena: il lieto fine con la Segafredo Bologna è targato Luca Vitali. Diana: 'Vittoria di orgoglio da condividere con i nostri tifosi'

 
Se Brescia-Bologna fosse stato un kolossal cinematografico, parleremmo di un lieto fine, di quelli che fanno uscire dalla sala il pubblico felice e soddisfatto. Le ultime pagine del copione le scrive Luca Vitali, bolognese doc e dispettoso ex di turno, che a pochi centesimi dalla sirena finale piazza la tripla che permette alla Germani Basket Brescia di battere la Virtus Bologna (77-75), conquistando il successo in campionato numero 14 (nella foto la esultanza del play maker besciano con i suoi compagni).
L’ultima gara casalinga in regular season sembrava un concentrato della stagione della Leonessa, sempre corta nelle rotazioni (Cunningham ancora in borghese) e con i muscoli messi a dura prova dalla performance di sabato scorso con Milano. Un buon inizio, un vantaggio acquisito che poteva essere addirittura più ampio, un terzo quarto da incubo (7-31 il parziale per gli ospiti), ma anche la reazione finale, frutto di orgoglio e voglia, fino al canestro finale di Luca Vitali, che per la seconda volta in 15 mesi fa piangere per la seconda volta le V nere (ricordate il tiro della vittoria al PalaDozza nel novembre 2017?) e fa impazzire di gioia gli oltre 4.700 spettatori sugli spalti del PalaLeonessa. Basta bicchieri mezzi vuoti, il messaggio della Leonessa sembra proprio questo. A prescindere da ciò che accadrà nelle prossime due partite (domenica a Sassari, il 12 maggio a Venezia), che daranno il verdetto definitivo sulla regular season della Germani.
Ci sarà tempo per stilare classifiche e verdetti, ora è necessario restare semplicemente concentrati e continuare a giocare sui ritmi preferiti (22-8 il computo dei contropiede a favore dei padroni di casa), cercando quelle che sono diventate delle certezze assolute: l’estro di Hamilton (22 punti, di cui 20 nel primo tempo), l’energia di Abass (15 punti), il ritmo forsennato di Laquintana (11), la difesa di Moss e la visione i Luca Vitali, che verrà ricordato per il tiro della vittoria ma che andrebbe portato sugli altari per 12 assist distribuiti ai compagni. Tanta, tanta roba.
Appuntamento, dunque, alla sfida in terra di Sardegna, che la Germani affronta con il sorriso. Quello visto in tutto il girone di ritorno (8-5 il bilancio parziale), quello mostrato anche nell’ultima gara casalinga della regular season. Sperando che non sia l’ultimo appuntamento di gala in un PalaLeonessa che ormai è un palcoscenico che merita sempre di più grandi spettacoli.
Così il coach Andrea Diana: 'Festeggiamo con tanta felicità una vittoria ottenuta con grande orgoglio. È un successo che voglio condividere con i nostri tifosi, che non ci hanno abbandonato mai per tutti i 40′, sostenendoci sempre e non facendoci mancare il supporto, anche nel momento di massima difficoltà.
Ci sono tre diverse partite all’interno della gara: nel primo tempo la nostra lucidità e concentrazione ci ha permesso di mettere in difficoltà una squadra importante come la Virtus, tenuta a 27 punti a referto alla fine del primo tempo. A rientro dagli spogliatoi abbiamo subìto la fisicità di Bologna, che ci ha tolto qualsiasi soluzione e ci ha punito soprattutto sotto canestro. Poi però c’è stata la reazione di cuore di un gruppo coeso e compatto, che non molla mai. E forse, delle tre, questa è stata la partita più bella".

Sito Uff. Leonessa Brescia

ULTIME NEWS