News

Mercoledì 04 Settembre 16:45

De' Longhi, presentato Charles Cooke III: 'A Treviso per crescere insieme alla squadra'

 
L’ultimo arrivo USA in casa De' Longhi Treviso Basket Charles Cooke III, è stato ufficialmente presentato alla stampa presso la palestra di Sant’Antonino. Nato il 1 luglio 1994 a Trenton (New Jersey), Cooke vestirà la maglia numero 25 già questa sera nell’amichevole di Pieve di Soligo contro i campioni d’Italia dell’Umana Reyer Venezia, iniziando la sua prima esperienza nel basket europeo dopo le ultime due stagioni in G-League, con i Greensboro Swarm (17/18), con i Salt Lake City Stars e Sioux Stars Skyforce (18/19).
Benvenuto a Treviso Charles.

“Grazie, sono davvero molto felice di essere qui, voglio ringraziare la società per questa opportunità e prometto che farò di tutto per ripagare la fiducia. 

È la tua prima esperienza in Europa, conosci qualcosa del basket europeo e italiano? "Sì, è la mia prima volta in Europa e in Italia, ma ho molti amici che hanno giocato e giocano qui. Tutti mi hanno sempre parlato bene dell’Italia e di Treviso; una piazza importante che milita in una lega molto competitiva come la LBA".


Cosa ti aspetti da questa stagione? “Sono venuto qui per lavorare e dare il massimo ogni giorno per crescere come giocatore sotto ogni aspetto, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi stagionali della società". 

Quali sono le tue qualità e caratteristiche? 

"Mi definisco un giocatore dalla doppia dimensione, mi preoccupo principalmente dell’aspetto difensivo mettendomi sempre al servizio dei miei compagni e poi cercando poi di essere il più efficace possibile in attacco".
Quali sono i tuoi hobby? 

"Mi piace molto il cinema, giocare ai videogame e passare il tempo libero con mia figlia Talhia che domani compie due anni". 

Essendo il tuo primo anno in Europa, quali differenze pensi ci siano tra il basket europeo e quello americano? 

"Penso che ci sia molta differenza , ad esempio qui in Europa ogni possesso e ogni partita sono importanti, in America non c’è questa ossessione per il risultato e soprattutto c’è una fisicità maggiore, soprattutto in difesa". 

 

Sito Uff. Pall. Treviso

ULTIME NEWS