News

Giovedì 05 Dicembre 10:19

Olimpia Milano, che passione: solo le big del calcio hanno più tifosi

 
Olimpia come le big del calcio. Solo Juventus, Inter, Milan, Napoli e Roma hanno più tifosi della Milano del basket. Il club di Giorgio Armani, secondo i dati rilevati nella scorsa stagione, può contare su 1.385.000 sostenitori, unica società di basket a scollinare il tetto del milione insieme alle grandi della Serie A del pallone. Analogie inaspettate che fanno impressione. È quanto emerge dalle rilevazioni demoscopiche di StageUp-Ipsos che dal 2006 producono la mappa del tifo dei campionati di vertice nei maggiori sport di squadra del nostro Paese (calcio, basket e pallavolo). Dati rilevati in due step distinti, giugno e ottobre, che hanno come target la popolazione italiana compresa tra i 14 e i 64 anni.
I numeri: il dato complessivo delle tre discipline pone il calcio su un altro pianeta: oltre 25 milioni di tifosi, mentre il volley è a quota 4.394.000, superato dalla pallacanestro che si assesta a 5.619.000, di cui uno su quattro tifa Olimpia. Ma quello che colpisce resta comunque il paragone con lo sport dominante. Tanto per capirci: il sesto club della Serie A calcistica per bacino è la Fiorentina con 673 mila tifosi, ovvero la metà della Milano dei canestri.
Il campione: ora il punto è: parliamo di indagini assimilabili? L'Olimpia vale davvero le big del calcio? «Assolutamente sì - spiega Giovanni Palazzi, amministratore delegato di StageUp -. La domanda rivolta al campione intervistato è la stessa per tutte le discipline: "Per che squadra fa il tifo?" e implica una sola risposta». La Juventus ha quasi 9 milioni di tifosi, Inter e Milan sono ben oltre i 3.5 milioni, il Napoli è a quota 2.7 milioni, mentre la Roma cattura quasi 1.9 milioni di sostenitori E poi c'è l'Olimpia «che presenta un'altra sirnilitudine - continua Palazzi - con Juventus, Inter e Milan, ovvero un bacino diffuso in tutta Italia. Solo il 51% della tifoseria proviene dalla Lombardia, il resto copre tutte le zone del Paese: 6% nel Nordovest, 11% nel Nordest, 11% nel Centro Italia e 21% nel Sud e Isole. Lo stesso discorso vale per la Virtus Bologna, che è la seconda squadra più seguita in Italia con quasi 600mila tifosi, a dimostrazione del fatto che i tanti successi ottenuti anche a livello internazionale hanno creato un brand che va ben oltre le logiche territoriali. Sassari invece fa del territorio la molla propulsiva di un bacino di tutto rispetto: il 74% dei sostenitori gravita infatti in Sardegna».
Interessante è il caso della Dinamo che secondo la ricerca di Stage Up-Ipsos ha 551.000 tifosi, oltre 30 mila in più del Cagliari, squadra di calcio che, fin dai tempi dello scudetto del 1969, ha coagulato intorno ai propri colori il seguito di un'intera regione. Vero è che i successi della Dinamo sono più recenti, visto che la vittoria di campionato-Coppa Italia e Supercoppa risale al 2014-2015, e hanno riacceso il fenomeno basket in tutta la regione, dopo le buone stagione del Brill Cagliari degli anni 70.
La sfida a canestro: sulle ricadute economiche invece la forbice col calcio si allarga a dismisura. Letta dal mondo dei canestri, questa diventa la grande sfida per rilanciare tutto il sistema: «Finora abbiamo parlato esclusivamente della sfera emotiva -prosegue Palazzi -. Diverso è il discorso del fan engagement, ovvero la capacità di trasformare questa passione in ritorno economico da parte dei club attraverso politiche di marketing. Chi segue il calcio con assiduità ha molte più opportunità di tramutare i propri desideri in gesto di acquisto. Sono avanti anni luce rispetto alle altre discipline. Il fenomeno Olimpia, ma non solo, dimostra però l'esistenza di uno straordinario potenziale da cogliere» .

Vincenzo Di Schiavi

La Gazzetta dello Sport

ULTIME NEWS