News

Domenica 15 Marzo 16:58

Gandini a 'Domenica Sport' su Radio 1 Rai: 'L'obiettivo resta quello di completare la stagione'

 
Il neo presidente della Lega Basket Serie A Umberto Gandini è intervenuto alla trasmissione “Domenica Sport” su Radio Uno Rai per spiegare come il mondo del basket stia affrontando le emergenza Corona Virus che ha bloccato lo sport italiano almeno sino al 3 aprile.

“Si tratta di una situazione certo imprevista ed imprevedibile dove siamo costretti a  navigare a vista cercando di fare le scelte giuste. Sono arrivato da poco nel basket e cercherò, per quanto possibile, di mettere a disposizione di questo sport la esperienza che ho accumulato nel calcio. Tra questi due mondi vi sono certo differenze di dimensione, anzitutto finanziarie, ma il basket, grazie anche alla dimensione globale assunta dalla Nba, ha un posizione di riguardo nei confronti degli sportivi di tutto il mondo. Non dimentichiamo mai che in Italia il basket è l’unico sport di squadra professionistico al di fuori del calcio: questo viene spesso dimenticato dalle nostre autorità, per cui quando si affrontano le problematiche di questi due sport, esse dovrebbero sempre essere considerate insieme. Siamo uno sport che rispetto al calcio vive sugli incassi e non sui diritti tv, sono gli introiti da botteghino a sostenere il movimento cestistico e certo il fatto di non poter giocare sta incidendo pesantemente sulle casse dei club perchè continuano a sostenere costi di salari di dipendenti e collaboratori per una attività che al momento non possono svolgere per una legittima e necessaria decisione governativa. Per questo mi auguro che vengano subito varati aiuti immediati tramite provvedimenti del Governo per garantire liquidità ai club per poi calcolare insieme i danni che questo stop imprevisto ha provocato. Di certo un sostegno al basket andrà assicurato”.

Quanto alla possibile ripresa delle attività, queste le parole di Gandini:

“Abbiamo davanti due paletti: il primo è la disposizione governativa che ferma tutto lo sport sino al 3 aprile: questo è il primo spartiacque ma ovviamente saranno le autorità a dirci se davvero nel week end del 5 aprile si potrà tornare in campo. L’altro aspetto da considerare sono le date del Preolimpico di basket che, come potrebbe succedere nel calcio con i campionati Europei, potrebbe subire ritardi o rinvii. Il nostro obiettivo resta quello di poter completare la stagione, anche arrivando eventualmente oltre il 12 giugno e ipotizzare, come sta già facendo il calcio, anche una conclusione entro la fine di quel mese. In merito alla ripresa degli allenamenti dei club, come LBA non abbiamo autorità per intervenire in merito a quanto individualmente deciso dagli stessi club. Certo possiamo dare alle società delle linee guida ad esempio utilizzando quelle della  Federazione dei medici sportivi ed è quello che abbiamo fato. La salute resta l’aspetto più importante, non credo che nessun club voglia imporre direttive che esulano da queste indicazioni ma al tempo stesso stiamo parlando di professionisti che hanno comunque una attività da svolgere, magari inizialmente anche non attraverso allenamenti collegiali ma individuali, con l’obiettivo di farsi trovare pronti non appena ci sarà consentito riprendere a giocare”.

Infine sulla situazione delle competizioni europee: “Sto studiando attentamente la evoluzione che ha attraversato in questi anni  la organizzazione delle competizioni europee per club e i rapporti tra Fiba, Euroleague, Uleb e singole leghe europee per poter agire in modo organico. La Euroleague ha dovuto fronteggiare una situazione difficile per portare avanti la stagione, facendo fronte a casi di differenti decisioni governative nei vari Paesi e con club costretti in quarantena: tutte situazioni che l’hanno convinta a sospendere la competizione. Mi auguro che prima o poi tutto evolva verso una soluzione definitiva con i club parte sempre più attiva in ogni decisione con l’obiettivo di far crescere tutto il movimento”.

ULTIME NEWS