News

Venerdì 23 Aprile 09:08

Messina sconfitta e agganciata all'ultimo posto da Trieste

La Sicilia Messina cede il passo nell'importantissima sfida con la Coop Nordest e vede avvicinarsi la retrocessione in Legadue. Come contro Avellino la squadra di Irac non riuscita ad esprimersi a livelli sufficienti per competere con squadre di pari livello. Ora, con la Mabo a quattro lunghezze di distanza, la situazione si fa difficile. L'unica consolazione per coach Irac aver mantenuto, con una bomba di Garnett sulla sirena, la differenza canestri con Trieste a proprio favore. La difesa di Messina latita sin dalle prime battute, soprattutto dal perimetro, dove i padroni di casa trovano due triple (con Cavaliero e Oliver) che regalano il primo allungo: 11-3. I giuliani avrebbero potuto approfittare in modo pi marcato della partenza con il freno a mano tirato dei siciliani. Poco concentrati i ragazzi di Irac, ostinati nel proporre sempre lo stesso schema che vede il primo passaggio su Estill. Il centro statunitense per non proprio in giornata e sembra temere la mole del suo antagonista Camata. Un dato su tutti: Estill nei primi sei minuti di gioco commette per ben tre volte infrazioni di passi ed al termine nonostante i 14 punti e i 15 rimbalzi chiuder anche con 11 palloni persi. Paradossalmente gli ospiti si esprimono meglio quando la Coop Nordest passa a zona. Pancotto infatti cambia difesa sulle rimesse ma Garnett, Mutombo e Bonner trovano comunque la via del canestro che permette ai gialloneri di rimanere incollati ai triestini. A cavallo tra primo e secondo quarto Messina ribalta la situazione grazie a quattro punti di Estill e a cinque di Haslam: da 22-18 si passa sul 24-27. Le uniche macchie sono il terzo fallo commesso da Bonner (siamo al 12') e la carica suonata da un Sims esplosivo, uscendo dalla panchina. Quando la guardia statunitense viene impiegata in cabina di regia, per dar fiato a Cavaliero, per Busca sono dolori. Estill continua a fornire una prestazione altalenante, sbaglia una facile schiacciata a met quarto e poi commette un'altra infrazione di passi. Quando Trieste sembra allontanarsi (43-35) viene frenata da un break di 6-0 firmato da Haslam, Estill e Garnett. Il terzo quarto si apre nel segno di Casoli (5 punti consecutivi) e Thomas che regalano consistenti vantaggi (54-43, 58-47). Messina subisce ancora dal perimetro ma con Bonner e Mutombo si riporta in carreggiata (60-56 al 27'). Nell'azione successiva Busca commette il quarto fallo, viene subito sostituito da Eppeheimer, e i siciliani perdono molto del fosforo a loro disposizione: parziale di 12-1 a favore dei triestini e discorso differenza canestri virtualmente riaperto al 30'. Il ritmo sale negli ultimi dieci minuti. Sims e Thomas spingono sull'acceleratore triestino. Garnett non riesce a prendere per mano i suoi compagni, Estill continua a perdere preziose palle in attacco. Gli unici che tirano la carretta sono Busca e Bonner. Irac manda sul parquet anche Zampogna per interrompere il ritmo dettato da Cavaliero ma i padroni di casa continuano a macinare punti e con una bomba di Casoli e un libero di Cavaliero arrivano al +17. Nel rocambolesco finale una schiacciata di Bonner e la tripla sulla sirena di Garnett consentono a Messina di mantenere almeno la differenza canestri. Magra consolazione. Trieste arrivata pi preparata a questa partita - ha dichiarato coach Irac in sala stampa. I nostri avversari sono riusciti a sfruttare la maggior altezza di Sims, Thomas e Oliver. Noi paghiamo la mancanza di alternative nel reparto piccoli. Garnett? Contro Trieste ha fatto la sua partita: certo non riuscito ad incidere, ma ormai tutti lo conoscono ed diventato pi facile fermarlo.

Paolo Menis

La Gazzetta del Sud

ULTIME NEWS