News

Sabato 08 Maggio 09:14

Il PalaDozza si infiamma per i «vecchi guerrieri»

In 5000 per una festa rovinata nel finale

Mancava, alla cronaca di Basket City, anche un derby delle Vecchie Glorie che ha rischiato la sospensione per le provocazioni di Richardson e le intemperanze della Fossa dei Leoni che ha tentato di invadere il campo. Mancavano poco meno di 5 minuti e mezzo alla sirena di un derby anche bello da vedere, ricco di ricordi e utile alla causa di BolognaAil che ha ricavato dalla rievocazione oltre trentamila Euro.
Richardson, che era stato beccato dal pubblico dopo un paio di canestri, ha replicato prima dispensando baci alla Fossa e poi uscendo con un gestaccio davvero infelice al quale la tifoseria biancobl ha risposto tentando linvasione. Danilovic a quel punto ha deciso che il Derby dei ricordi era finito e ha preso la scaletta dello spogliatoio ma gli arbitri, dopo un quarto dora di maretta, hanno deciso di continuare.
Cos ha vinto la Fortitudo ma una serata di ricordi e di buone intenzioni stata irrimediabilmente rovinata. Peccato perch Bologna spreca una grande occasione per ritrovare una sfida che dovrebbe essere soltanto sportiva e non degenerare. Sar per la prossima volta se mai qualcuno vorr ripetere unesperienza rovinata dallintemperanza e dalla maleducazione.
Eppure tutto era cominciato nel migliore dei modi, con la presentazione allamericana e un pubblico caldo ma molto civile.
Serie B, serie B, i cori di parte Fortitudo. Maccabi, Maccabi quelli virtussini. Qualche sfott, i canestri di Danilovic da una parte e di Fumagalli dallaltra e una serata uscita dallalbum dei ricordi per aiutare BolognAil.
Peccato poi che sia finita cos: su un parquet dove si costruita la storia della Citt dei canestri e che doveva salutare il ritorno in campo di vecchi eroi che questa storia hanno scritto, da Picchio Orlandi a Lino Bruni, da Fumagalli a Vrankovic, da Albonico a Caglieris e da Richardson a Danilovic.
Proprio gli ultimi due sono stati quelli che lhanno presa davvero sul serio. E se Sasha si limitato a segnare i suoi soliti canestri facendo arrabbiare il popolo biancobl pi per i punti messi a referto che per le provocazioni, Sugar si lasciato andare a gesti che in ogni partita, ma soprattutto in queste, non si dovrebbero vedere. Come non si dovrebbe vedere una tale risposta risposta del pubblico, anche se si sa che quello biancobl abituato ad esagerare sempre, nel bene e nel male.
Aspettando che ci sia un derby vero in serie A, prendiamo quanto di buono ha offerto la serata. Dallovazione per Brunamonti al piacere di rivedere seduto su quella panchina Ettore Zuccheri, che la storia della Citt dei canestri lha scritta anche insegnando nelle palestre. Dei signori da cui tutti dovrebbero prendere esempio.
Gianni Cristofori

Il Resto del Carlino

ULTIME NEWS