News

Martedì 16 Novembre 09:26

Varese e Cantù tornano in Europa col morale alto

Il lavoro la nostra unica strada. Chi si ferma perduto: Ruben Magnano ha detto pi o meno questo ai suoi giocatori dopo il successo con la Benetton. Messaggio forte e chiaro: non c posto per chi si tira indietro. Non ci siederemo su questa vittoria, ma al di l del risultato sono tranquillo per il lavoro che mi aspetta - aggiunge largentino, che in due giorni ha svolto allenamenti molto duri -. La nostra difesa carente? Ho bisogno di tempo per valutare le cose, dobbiamo conoscerci a vicenda, capire cosa bisogna fare per migliorare. In realt Magnano ha gi capito quasi tutto: sudore, fatica e magari un centro che possa dare una mano a Nolan. La societ da tempo sul mercato, in silenzio, ma non facile trovare un giocatore importante a costi accettabili. Nellattesa ecco subito unaltra partita, in Coppa Uleb: stasera al PalaIgnis (alle 20.30) arriva lo Chalon per la seconda gara del girone di andata, la prima sul campo di casa. LElan Chalon un club molto giovane (1994 lanno di fondazione), allenato da Gregor Beugnot, uno dei tanti ex allenatori di Varese dellultimo travagliato quinquennio. Il suo esonero, anche in quel caso caldeggiato dalla piazza, non fu certo indolore. Beugnot ritornato in patria, dove ha fatto bene.
Debutto in casa anche per la Vertical Vision Cant, dopo molti anni di assenza dalle competizioni europee. La netta affermazione contro Livorno il miglior viatico per la sfida contro i bulgari del Lukoil Academic Sofia, squadra dove spiccano i 222 centimetri dell'americano Priest Lauderdale, che in Uleb lo scorso anno viaggiava a 19.3 punti e 11 rimbalzi di media. Una torre da isolare, senza dimenticare gli altri due Usa, Lamont Jones e Bryant Smith, ottimo tiratore dal perimetro. Cant sette giorni fa ha perso male a Mosca, logico che il pronto riscatto al Pianella sia un obiettivo prioritario per i Sacripanti Boys.

Roberto Pacchetti

Il Giorno

ULTIME NEWS