News

Mercoledì 29 Dicembre 12:57

Scavolini: occhio alle spine di Roseto

Domani alle 20.30

Scoonie Penn non giocher con Roseto, ma con Siena di certo ci sar. Lex giocatore di Trieste, Roma, Stella Rossa, Cibona e, recentissimo, Makedonikos, arriver a Pesaro domani: troppo tardi per svolgere visite mediche e procedure burocratiche relative al tesseramento. Anzi, ci sar anche da correre, perch per giocare domenica sera a Pesaro con la Montepaschi il nostro Scoonie dovr aver le scartoffie pronte per le ore 11 di venerd.

Spider Smith si tornato ad allenare da ieri pomeriggio, reduce da un virus di stagione. Ale Frosini invece ha qualche acciacco in pi: sostanzialmente si tratta del solito tendine di Achille malanno per il quale lunica vera cura il riposo, ma questanno per il lungo senese tutto straordinari, altro che marcare visita. Se fosse stato uno qualsiasi scherza il d.s. Filippo Laico avrebbe potuto prendersela comoda: purtroppo per lui uno forte, e allora deve giocare.

Trasferta a Roseto (la terza di fila, sinora stata una pacchia: due vittorie su due, e nessuno, a essere onesti, le dava per scontate) domani sera alle 20.30: altra partita che si pu vincere su un campo tra i meno ospitali della serie A. Lanno scorso fu poco meno che un trionfo: pronti via, e subito la Scavolini a sotterrare gli avevrsari che, tra parentesi, quel giorno inauguravano il nuovo palasport. Cera lex-Moltedo (fu uno dei meno peggio), mentre tra i pesaresi (a parte il caro Alphonso), fu Scarone il killer della giornata (gli valga come un augurio).

Dicevamo degli ex: e non ne mancano di certo in casa pesarese. Il patron Enzo Amadio, ovviamente: ma, come lanno scorso, difficilmente si far vedere da queste parti. Poi i tre che Amadio port con se da Roseto: Marko Milic, Teemu Rannikko e Antonello Restivo (il quarto era Phil Melillo). Negli Sharks, Brad Traina: a Pesaro due anni senza mai esplodere davvero, malgrado alcune prestazioni esaltanti (cinque bombe a Forl in coppa con la Fortitudo, per dire). A Roseto, per ora, sparacchia a vuoto: ma da lui c da aspettarsi di tutto.

Il problema vero di coach Spahija un clima come sempre agitatatissimo, cui si aggiunge la perdita del fuoriclasse (in campo e fuori) Mahmud Abdul-Rauf. La situazione economica della societ non delle pi facili, appesa com allintervento dellamministrazione comunale (ma pare che un nuovo sponsor sia in arrivo). A rasserenare il tutto, due notizie: a Patrick Mutombo, prima di Natale, hanno mezzo distrutto la Land Rover (rottura di specchietti, vetri e tergicristalli, rigatura con chiodi e scritta con la vernice: Vittoria o morte Curva Nord come diligentemente annota la societ abruzzese in un comunicato); quanto ad Abdul-Rauf, la fenomenale guardia ex-NBA si strappata un muscolo della coscia (fuori almeno un mese).

GIACOMO MARIOTTI

Corriere Adriatico

ULTIME NEWS