News

Domenica 05 Giugno 14:19

Scavolini, una folla di nomi per il successore di Crespi

Dopo la settimana campale, sono in arrivo sette giorni di importanza addirittura maggiore. Domani scade il termine per la presentazione dei documenti relativi all’iscrizione al prossimo campionato in Lega e la Scavolini ha già provveduto a depositarli a Bologna. Dopo il controllo, si passerà alla visione degli incartamenti da parte della Federazione. Nodo cruciale, da risolvere appunto in settimana. Oltre naturalmente alla firma del general manager e poi a quella dell’allenatore, ma per quest’ultima casella la Scavolini ha preso tempo, continuando a sondare le varie disponibilità. Si parla sempre di Piero Bucchi, che però ieri ha avuto un colloquio con un emissario della Pompea. Pancotto andrà a Udine, Pillastrini non dovrebbe tornare. Sempre a Napoli il neo direttore generale Betti sta spingendo per Phil Melillo. Quest’ultimo è anche un “pallino” di Santoro, che lo vorrebbe a Reggio Calabria. Non andrà a Scafati, società che aveva sondato anche per il giemme pesarese Luchi. Intanto Frates non si muoverà da Reggio Emilia, Sacripanti resta a Cantù. Vice e secondo assistente della Scavolini saranno quasi al 100% Paolini e Baioni. Quest’ultimo inizia domani la sua avventura alle finali nazionali Under 18 di Lignano Sabbiadoro, con una formazione molto perimetrale e rapida, che ha in Lovatti e De Bartolo le punte di diamante. L’esordio per i biancorossi è fissato per domani alle 21 contro la Virtus Montepaschi Siena. «Siamo una squadra unita e aggressiva - ha dichiarato il giovane coach della Vuelle - conscia di lottare contro avversari di prestigio: su tutti Siena, Casalpusterlengo, Fortitudo, Benetton e Biella. Quello di quest’anno è il gruppo più affiatato che abbia mai allenato. Negli ’87 siamo un po’ carenti, mentre gli ’88 sono eccellenti».
Ieri a Roma si è svolto il Consiglio Federale, che tra gli altri argomenti ha trattato il tema della nazionalità dei giocatori per i prossimi campionati. Il 6+6 indicato dal presidente Maifredi è una proposta che dovrebbe passare dalla stagione 2006/’07 e che avrà una risposta definitiva entro ottobre. Nel frattempo, per il campionato più vicino, la regolamentazione resterà quella attuale, ossia 5 italiani a referto (3 con contratto), 3 extracomunitari più uno (quattro visti totali) e un neo-comunitario. La Scavolini non avrà ovviamente più il problema di allestire due diverse formazioni, visto che la Coppa non le appartiene. Torneranno in squadra alcuni giovani in prestito altrove (Flamini ha appena colto la promozione in A con la Virtus e la massima Serie è la sua dimensione), ma riportare tutti all’ovile non è così scontato, visto che si sta parlando di giocatori che affollano quasi eslusivamente un reparto, dove tra l’altro ci sono da risolvere e approfondire le situazioni di Milic e Gigena.
A Baia Flaminia continuano gli allenamenti: Riccardo Paolini lavorerà domani e mercoledì con i giovani a disposizione e - dopo aver dato un’occhiata interessata ai vari Ress, Malaventura e Cinciarini - partirà insieme ad altri dello staff per Lignano Sabbiadoro, e poi per le Summer League di Treviso.
Curiosità: che fine ha fatto l’ex “terzo” di Melillo Antonello Restivo? E’ stato promosso in Serie B con la squadra di Cagliari, di cui è proprietario. In ballo ci sono grandi progetti, anche la ventilata ipotesi di acquisire i diritti di una o due serie superiori.

CAMILLA CATALDO

Il Messaggero

ULTIME NEWS