News

Domenica 19 Giugno 14:22

Vent’anni fa Valter prese il timone di una società da “montagne russe”

Abbiamo rievocato il mitico 1975 della Vuelle (Scavolini sponsor, fondazione dellInferno Biancorosso) ma oltre al trentennale c anche un ventennale da non dimenticare: finale scudetto, trionfo in Coppa Italia e passaggio della presidenza da Palazzetti a Scavolini. Un anno, l85, che conferma una cosa: la Scavolini sar sempre sulle montagne russe, cos come le coronarie dei suoi tifosi! Infatti linizio della stagione farsesco, con le assurde gestioni degli americani Don Casey e George Bisacca in panchina. Poi arriva Giancarlo Sacco, mentre lo sparacchiatore Frederick (cos lo definisce Superbasket) sostituisce Pietkievic. Il 18 febbraio la Scavolini perde di 38 in casa con Napoli: il pubblico urla vergogna, buffoni, serie B e lascia il vecchio palas prima della fine (Non riconfermo nessuno!, tuona Palazzetti). Ma la squadra si risolleva: il 18 marzo rifila 20 punti alla Virtus campione dItalia. Poi conquista i playoff piazzandosi ottava.
Da qui la folle scalata: 2-0 alla Viola negli ottavi; sbancata due volte la Roma di Bianchini nei quarti, con cento punti di Frederick in 3 gare (Palazzetti: Riconfermo tutti!); epica battaglia con Caserta in semifinale, con i quarantelli di Oscar e Frederick e la maxisqualifica a Silvester per avere steso a pugni e calci Davis, DellAgnello, Gentile e lo stesso Oscar. Senza loriundo, la Scavolini cede in finale con la Milano di Joe Barry Carroll, ma Silvester rientra per la finalissima di Coppa Italia e corona con una bomba pi fallo subito una rimonta di 14 punti in altrettanti minuti. Il pubblico impazzito porta in trionfo Sacco e i giocatori: il 9 maggio. Il 6 giugno Valter Scavolini rileva la societ: per 18 anni sar insieme presidente e sponsor.

GIANCARLO IACCHINI

Il Messaggero

ULTIME NEWS