News

Martedì 04 Giugno 09:58

Bucci si lancia nel basket femminile

Il coach. "Mi fa paura rimettermi in gioco"

RIMINI - Alberto Bucci ritorna in pista. E lo fa in modo clamoroso mettendo per certi versi a soqquadro il mondo dei canestri. Lui, il coach che ha vinto tre scudetti, che ha centrato quattro promozioni, che ha trionfato una volta nella Supercoppa e conquistato tre Coppa Italia, ebbene proprio uno tra i pi vincenti tecnici del nostro basket cambia totalmente fronte. In che senso? Dalla prossima stagione sar sulla panchina della formazione femminile della Marvin Parma, una delle societ big nel basket donne. Ha sottoscritto un contratto biennale. Alberto Bucci, si rituffa nella mischia in modo eclatante. Perch questa scelta? "L'ho valutata per molto tempo. E' iniziato tutto mesi fa con una battuta del presidente di Parma Bertolazzi: 'Perch non vieni con noi?' Non ci ho dato peso. Sembrava un gioco. Poi mi stato chiesto di pensarci, abbiamo affrontato il discorso economico e a quel punto ho capito che quelli di Parma facevano sul serio". E allora? "E allora ho cominciato a rifletterci seriamente. Ho parlato col collega Paolo Rossi, un amico, uno che conosce a fondo i problemi del settore. Mi ha dato un suo parere, ho ascoltato i suoi consigli". E ha deciso di fare il grande salto. "In A1 avevo un paio di contatti, ma ho capito che non c'erano le situazioni ideali per vincere immediatamente e quindi trovare per me motivazioni sufficienti, che poi sono quelle che muovono il sottoscritto e ogni uomo di sport. Qui a Parma si lotta per lo scudetto, per la Coppa Campioni, c' una societ organizzata. Mi rimetto in discussione e la cosa per me affascinante". Una decisione imprevedibile. Che le hanno detto i colleghi? "Ho parlato con Ettore Messina. Mi ha dato ragione. Una scelta coraggiosa se volete ma bella, stimolante. Vede, la cosa importante per me cosa fai e in che modo la fai. Per rendere al meglio devo fare quello in cui credo e di cui sono convinto. La scorsa stagione ho rifiutato tre panchine di serie A appunto perch pensavo di non poter dare il meglio di me stesso. Non ho mai avuto paura di uscire dal giro, questo modo di pensare non mi appartiene e la mia storia del resto eloquente". Cio? "Ho vinto lo scudetto con la Virtus e sono sceso in A2 a Livorno, sempre con Livorno sono arrivato alla finale scudetto e poi sono sceso in A2 a Verona. Quello che conta sono le motivazioni, le idee, il gusto di stare in palestra ad allenare. Io devo essere soddisfatto e non gli altri. Ora non ho certezze perch non conosco affatto il mondo del basket femminile: sono entrato nel basket a 16 anni, a 20 ero nel settore giovanile della Fortitudo, a 24 a Rimini alla prima esperienza professionista. Ma so che vivere di ricordi non quello che fa per me". Come immagina il basket femminile? "Le donne sono pi disponibili degli uomini, esasperati dal professionismo, ad apprendere, vivono di pi lo sport ancora come un gioco, un divertimento e questo entusiasmo maggiore si riflette nel modo di allenarsi, nella mentalit. Sono convinto che un allenatore possa svolgere un buon lavoro sul miglioramento tecnico delle atlete". Gi, per i riflettori della ribalta sono lontani. I mass media seguono di sfuggita il basket femminile. "In America il basket femminile ha una nicchia precisa, anche qui pu accadere altrettanto e chiss che l'arrivo di nuovi personaggi serva a fare da volano". Chi condurr la campagna acquisti? "Sotto questo aspetto mi devo fidare della societ. Comunque in questi giorni mi sto guardando le cassette di tutte le partite dell'ultima stagione in cui stata eliminata in semifinale dopo lo scudetto della stagione scorsa. Ce la vedremo come sempre con Como e Schio". Cosa cambia per un tecnico allenare le donne invece dei maschi? "Non cambia nulla. Le donne hanno meno rapidit e meno velocit, sono meno forti fisicamente, ma i movimenti e gli scatti sono gli stessi". Chi vincer lo scudetto? "Vedo una finale Benetton-Fortitudo con la seconda leggermente avvantaggiata". Che cosa dir alla squadra al primo allenamento? "Chieder da una lato rispetto, dall'altro la massima collaborazione delle mie giocatrici. Abbiamo un progetto comune, essere protagonisti iin tutte le manifestazioni e e per centrarlo occorre lavorare insieme. Per il resto, non credo mi ci vorranno molti mesi per conoscere il basket femminile".
Stefano Ferri

La Voce di Rimini

ULTIME NEWS