Banco di Sardegna Sassari

La squadra

La compagine sarda guida attualmente il girone unico U18 Gold della propria regione con nessuna sconfitta all’attivo e i migliori attacco (oltre 85 i punti di media realizzati) e difesa (poco più di 52 quelli subiti). I punti di riferimento della formazione allenata da coach Pietro Carlini sono Christian Martis (2001) e Luca Sanna (2003), entrambi aggregati alla prima squadra durante la preparazione precampionato.
La Dinamo, in occasione della Ibsa Next Gen Cup, sarà rinforzata dai prestiti di Andrej Jakimovski, Marko Milovanovikj e Kebe Kalidou provenienti rispettivamente da Campus Piemonte, Ju.Vi. Cremona e Lam Basket, giocatori in grado di portare punti a referto e presenza sotto i tabelloni nei due lati del campo.

Andrej Jakimovski (2001) - Esterno macedone che combina un mix di capacità tecniche, fisiche e atletiche che ne fanno uno degli attaccanti più pericolosi e completi dell’intera manifestazione. Già protagonista nella prima edizione della Next Gen Cup in prestito all’Olimpia Milano, quest’anno combina 19.8 punti (tirando con il 49% da 2, il 41% da 3 e l’81% ai liberi), 8.9 rimbalzi, 3.1 assist, 2.6 recuperi e 5.3 falli subiti nel Girone A del campionato U18 Eccellenza.

Marko Milovanovikj (2002) - Di provenienza macedone come Jakimovski ma un anno più giovane, gioca da quest’anno in Serie B con la Ju.Vi. Cremona dopo aver trascorso le ultime due stagioni all’Oxygen Bassano. Dopo un primo periodo di adattamento alla nuova categoria, nel mese di dicembre ha alzato il proprio minutaggio a 10’ di media in cui ha prodotto 2 punti, 2 rimbalzi e 1 recupero.


BPER Virtus Bologna

La squadra

Come da tradizione, le V Nere presentano una pattuglia di prospetti d'interesse nazionale, anche se il roster di quest'anno è orfano di alcuni nomi ben noti in ambito giovanile: Matteo Nicoli (2001) e Tommaso Tintori (2002) sono partiti in prestito per la loro prima esperienza in Serie B, mentre Nicolò Nobili (2002) è andato negli USA per il penultimo anno di high school. La squadra di coach Luca Ansaloni (al primo anno alla guida del settore giovanile Virtus) è a quota 7 vittorie e 5 sconfitte nel Girone C del campionato U18 Eccellenza, dove ha accusato un certo mal di trasferta (solo ultimamente ha ritrovato un successo fuori dalle mura amiche che mancava da fine settembre). Ha il 6° miglior attacco del girone per media punti (76.9) e, nella prima fase della Next Gen Cup, l'organico sarà rinforzato dalle presenze in prestito di Destiny Agbamu (Oxygen Bassano) e di Giulio Zambianchi (OneTeam Basket Forlì).

Da tenere d’occhio

Destiny Agbamu (2003) – Il lungo nigeriano, arrivato in Italia oltre tre anni fa, porta fisicità e atletismo in quantità notevoli, tali da consentirgli di spostare in maniera decisiva. Sta viaggiando a quota 14.4 punti, 6.9 rimbalzi e 0.8 stoppate con la Oxygen U18 attualmente capolista del Girone B. Nella passata stagione, è stato inserito nel quintetto ideale delle Finali Nazionali U16 al termine di una finale persa contro la Stella Azzurra che ha chiuso con 26 punti, 12 rimbalzi, 4 assist.

Matteo Barbieri (2003) – Non è fra le primissime opzioni offensive del gruppo (quinto realizzatore con 8.0 punti di media), ma è da seguire per il mix di qualità fisiche e tecniche che ne fa uno dei lunghi potenzialmente più futuribili del panorama italiano. Da sempre nel giro delle nazionali under, il nativo di Modena è fra gli azzurri che hanno conquistato la medaglia di bronzo all'ultimo Europeo U16 (1.4 punti, 1.9 rimbalzi, 0.7 stoppate in 11.1 minuti).

Lorenzo Deri (2001) – Primo realizzatore (16.1 punti di media) e floor general (4.0 assist) della squadra, il bolognese brilla per QI cestistico ed è l'elemento più esperto del roster. Già leading scorer bianconero nella U18 della scorsa stagione (14.4 punti), con la Virtus ha conquistato due titoli nazionali (U14 nel 2015 e U18 nel 2017). Un anno fa si è messo in mostra a livello internazionale nella tappa di Valencia dell'Adidas NGT (11.0 punti e 5.3 assist in 26.3 minuti). In azzurro, ha partecipato agli Europei U16 del 2017 e a quelli U18 di quest'estate.

Grissin Bon Reggio Emilia

La squadra

Plasmata dalle sapienti mani di coach Andrea Menozzi, la Pallacanestro Reggiana occupa la seconda piazza nel Girone C del campionato U18 Eccellenza con un bilancio di 9 vittorie e 3 sconfitte, a 2 soli punti di distanza dalla capolista Pesaro. Organico profondo, ricco di centimetri e ben strutturato quello degli emiliani, che possiedono il miglior attacco dell’intero girone a 85 punti di media e mandano in doppia cifra ben quattro giocatori.
Della formazione finalista nella prima edizione delle Next Gen Cup non fanno più parte i classe 2000 Cipolla e Dellosto, con il timone della squadra che è passato nelle mani del duo Soviero-Diouf. L’unica aggiunta per la tre giorni bolognese sarà Carlo Cappelletti, guardia classe 2002 dalla Junior Casale.

Da tenere d’occhio

Mouhamet Rassoul Diouf (2001) - Ala di 208 centimetri con un’ottima mano dalla lunga distanza, produce in U18 Eccellenza una doppia-doppia di media da 16.9 punti e 10.5 rimbalzi. Migliorato esponenzialmente nel corso dell’ultimo biennio, è uno dei giocatori più interessanti da seguire nell’arco della manifestazione. In attacco può giocare sia fronte che spalle a canestro e in difesa assicura una buona intimidazione (1.2 stoppate a gara) e pericolosità sulle linee di passaggio (1.2 recuperi). Con la Nazionale U18 ha preso parte al Torneo di Piombino, vinto dagli Azzurri nello scorso mese di febbraio.

Carlo Porfilio (2001) - Falcidiato da una serie di infortuni che ne hanno ostacolato la continuità nel corso delle ultime stagioni, se in condizione è uno dei migliori giocatori dell’intera annata 2001. Ha corpo per difendere su piccoli e lunghi avversari, eccellenti fondamentali e controllo del corpo che lo portano raramente a forzare in attacco. Solo cinque partite giocate quest’anno in U18 Eccellenza in cui ha realizzato 12.8 punti con il 36% da oltre l’arco, dato sensibilmente migliorato rispetto al passato.

Antonio Jacopo Soviero (2001) - Classica guardia realizzatrice (top scorer dei suoi in campionato a quota 18.3 punti di media), è sensibilmente migliorato nella parte superiore del corpo non perdendo la rapidità che lo ha sempre caratterizzato. Il nativo di Salerno è un giocatore estroso (3.5 gli assist a partita) che predilige le penetrazioni al ferro (subendo ben 7.2 falli) rispetto al tiro dalla lunga distanza. In difesa ha mani rapidissime e può trasformarsi in un incubo per i portatori di palla avversari, come testimoniano i 3.9 recuperi a gara.

Leonessa Basket Brescia

La squadra

Una formazione giovane, composta prevalentemente da classe 2003, ed è soprattutto fra questi che si possono osservare i picchi di talento più interessanti in chiave futura, anche al di là dell'impatto individuale dei singoli al momento attuale.
Nel campionato U18 Eccellenza, la Leonessa naviga nella metà alta della classifica del Girone B con un bilancio di 8 vittorie e 4 sconfitte. Dopo un avvio complicato, segnato da tre sconfitte consecutive nel mese di ottobre, la squadra di coach Vincenzo Di Meglio ha saputo risalire la china partita dopo partita, nonostante i tanti infortuni che avevano ridotto in maniera significativa le opzioni a disposizione. Brescia potrà contare su due arrivi in prestito, quelli di Raffaele Romano e Andrea Zocca.

Da tenere d’occhio

Tommaso Marangoni (2003) – Ala con tante soluzioni diverse fronte a canestro e che, in alcuni casi, può sfruttare la propria fisicità in post basso. Cresciuto nella International Imola, è alla sua seconda stagione a Brescia. Quest'estate ha vinto il bronzo europeo con l'Italbasket U16, mettendo insieme 9.1 punti e 3.1 rimbalzi di media in 20.7 minuti d'impiego (top scorer di giornata con 18 punti negli ottavi di finale contro la Lettonia).

Alessandro Naoni (2003) – Combo guard con qualità notevoli per taglia (rispetto al suo ruolo), agilità e capacità realizzative. Nel 2017 vince da protagonista il Trofeo delle Regioni con la Lombardia (top scorer con 22 punti nella finale col Lazio) e l'anno dopo è inserito nel quintetto ideale delle Finali Nazionali U15 (13.7 punti e 6.3 rimbalzi in 27.5 minuti), con la sua Brescia che si piazza al quarto posto. Nel campionato U18 sta mettendo insieme 11.7 punti, 3.6 rimbalzi e 1.3 assist di media.

Elhadji Thioune (2001) – In ambito under è un lungo la cui presenza intorno all'area è complicata da arginare grazie alla sua fisicità e che si attesta con costanza come macchina da doppie-doppie, con impatto molto alto sotto entrambi i tabelloni. Per il ragazzo senegalese, parlano abbondantemente i numeri messi insieme con la U18 in questa stagione: 15.1 punti (con un repertorio offensivo decisamente migliorato) e 12.7 rimbalzi di media.

Officina Fattori Pistoia

La squadra

La formazione allenata da coach Tommaso Della Rosa si presenta a Bologna con un roster profondamente giovane (nucleo composto da nati nel 2003) e cambiato rispetto alla prima edizione della Next Gen Cup: il prospetto Lorenzo Querci gioca da protagonista in Serie A2 a Capo d’Orlando insieme ad Uchenna Ani, mentre Gian Marco Drocker e Liam Udom sono passati rispettivamente a Lucca e Firenze. L’Officine Fattori occupa attualmente l’11° posto del Girone D del campionato U18 Eccellenza con 4 vittorie e 8 sconfitte. Incerta la presenza di Angelo Del Chiaro, giocatore maggiormente rappresentativo dei toscani, ancora alle prese con il recupero da un infortunio. I prestiti che rafforzeranno il roster di Pistoia sono Riccardo Bassi (Pallacanestro Biella), Luca Fabiani e Matteo Tersillo (entrambi provenienti dall’Oxygen Bassano).

Da tenere d’occhio

Leonardo Bonistalli (2003) - Esterno con braccia lunghe e ottime doti atletiche, produce 10 punti di media in campionato con oltre il 50% al tiro da 2 punti frutto di penetrazioni al ferro chiuse con una buona varietà di movimenti. Da perfezionare la meccanica di tiro (44% dalla lunetta) e in generale la pericolosità dal perimetro: solo 2.1 per gara i tiri presi da oltre l’arco. Con le Nazionali giovanili ha partecipato al raduno di Avviamento Tecnico Federale di San Vincenzo (maggio 2017) e al Centro di Alta Specializzazione di Pesaro (agosto 2017).

Jonas Riismaa (2002) - L’ala estone è alla seconda stagione a Pistoia, dopo essere stato portato in Italia da Siena. Grandi doti realizzative (sfiora i 15 di media in U18 Eccellenza con 9.9 tiri) abbinate ad un’ottima padronanza dei fondamentali, predilige attaccare frontalmente il canestro rispetto a giocare in post basso. Pericoloso in penetrazione, sia da ricezione che da palleggio già aperto, è inoltre un eccellente tiratore da 3 punti (tira con il 44% in campionato su oltre 4 tentativi a gara). Importante il contributo che offre a rimbalzo (6.9) e negli assist distribuiti (2.4).